mercoledì 26 gennaio 2011

[Dal libro che sto leggendo] "Il giovane Holden"


Il museo...

"[..] La cosa migliore in quel museo era però che tutto stava sempre allo stesso posto. Nessuno si muoveva. Potevi andarci centomila volte, e quell'esquimese aveva sempre appena finito di prendere quei due pesci, gli uccelli stavano ancora andando verso il sud, i cervi stavano ancora abbeverandosi a quella fonte, con le loro belle corna e le belle, esili zampe, e quella sqaw col petto nudo stava ancora tessendo la stessa coperta. Nessuno era mai diverso. L'unico a essere diverso eri tu. Non e' che fossi molto più grande né niente di simile. Non era proprio questo. Era solo che eri diverso, ecco tutto. Stavolta avevi addosso il soprabito, magari. Oppure il bambino che era stato vicino a te l'ultima volta si era preso la scarlattina e ora avevi un altro compagno. Oppure non era la signorina Aigletinger ad accompagnare la scolaresca ma una supplente. Oppure avevi sentito papà e mamma che litigavano come due forsennati nella stanza da bagno. O per strada eri appena passato vicino a una di quelle pozzanghere dove la benzina fa l'arcobaleno. Voglio dire, eri diverso per una ragione o per l'altra [..]"


Il giovane Holden
J.D. Salinger
Einaudi Editore, Ed. 2008
Collana "Super ET"
Prezzo 12,00€

5 commenti:

  1. Io questo libro lo amo alla follia!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo ammettere che anche a me è piaciuto da morire! :)
      Simona

      Elimina
  2. ma a che pagina è "la pozzanghera"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrei rispolverare il libro, é un'informazione vitale?

      Elimina
  3. no, ma volevo sapere dove lo posso trovare più o meno (so già che è alla fine). Parla del museo, quindi lo fa prima o dopo esserci stato?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...