mercoledì 21 settembre 2016

Ricorrenze e [Dal libro che sto leggendo] Un altro da uccidere


Fonte: Atvingpa


Ohhh e siamo di nuovo qua! Quest'anno pare pieno di ricorrenze e pensavo di fare un post a parte e invece poi mi son detta che possiamo inserirlo tranquillamente nei post standard di questo spazio. Quest'oggi festeggiamo i 1.000 post, non sono certa, quando ho dato il nome a questo spazio e mi sono impegnata per dargli una mission chiara ed univoca, di aver solo pensato un attimo di arrivare a vedere il contatore che segnava i mille post. Sono tanti e ieri, tanto per capacitarmi ho messo una sull'altra due risme di carta - diciamo che non ho tenuto conto che ogni tanto le mie recensioni occupano tre pagine! - giusto per vedere che effetto fa. 
"E che effetto fa?", sono certa che ve lo starete domandando. Ecco, fa l'effetto di due risme di carta una sull'altra, è stata solo un'idea sciocca; le risme sono di pagine intonse, non stampate e ne scritte. Ogni post qui pubblicato invece è stato scritto e pensato per un pubblico di amici, che si conoscono o no non è importante; ogni post nasce con l'imperativo: "Lo faresti comprare a Massimo, Federica o a tua madre o anche a Daniela che sta a Trento o a Irene che sta a Barcellona?". Se così non fosse non lo farei comprare nemmeno a voi, questo è l'obiettivo che mi sono posta sei anni fa e non è affatto cambiato sei anni dopo. Quindi credo che vi toccheranno altri post, magari altri mille. 

Buone letture e grazie a chiunque abbia letto anche una parte di questi mille post!
Simona Scravaglieri

                                                                     ******

E ora passiamo alla sbirciata di oggi!
Oggi parliamo del libro di Federico Axat di cui vi ho parlato venerdì e per il quale ho rotto le scatole ha tutto il mondo conosciuto e sconosciuto del web perché, secondo me, è davvero un bel libro, ben scritto e ben strutturato, perché alterna un ritmo veloce per le situazioni di tensione a quello più rilassato per quelle invece di rivelazione del significato degli indizi. Si lascia leggere con facilità e starete col dubbio fino all'ultima pagina, che cosa chiedere di più ad un libro che nasce per questo scopo?

In più ha uno degli incipit più accattivanti che io abbia trovato negli ultimi anni in un libro, se la batte quasi con Hug Howey (La trilogia del Silo: Wool, Shift e Dust) e, chi mi conosce, sa perfettamente che toccatemi-tutto-ma-non-la-trlogia-del-silo! Questo è uno di quei casi in cui sono talmente entusiasta del libro che difficilmente si può scrivere di più di "Leggetelo!", mi toccherà dare uno sguardo più attento a Longanesi che, per questo genere, non avevo proprio considerato - lo so, sono una brutta persona sommersa di libri da leggere e con poco tempo per farlo, ma che continua imperterrita a cercare di leggerli tutti! -.

Vi lascio sbirciare il primo capitolo, che poi è quello che mi ha convinto a comprarlo, e vi assicuro che difficilmente resisterete. Quando l'ho letto ho pensato al giallo perfetto de "I dieci piccoli indiani". E' perfetto perché è talmente ben incastrato che l'autrice, zia Agatha, è costretta ad aggiungere un capitolo per far capire chi è l'assassino, altrimenti sarebbe difficile uscirne fuori anche se qualche indizio - dopo duecento letture salta all'occhio - c'è. Anche in questo caso, la posizione in cui si mette l'autore permetterebbe di svolgere una storia assurda - e vi sembrerà così fino ad un certo punto - che, per cominciare ad assumere un significato ha bisogno di un intervento, in questo caso è un altro personaggio e non l'autore, ma la spiegazione, come nel caso della Christie, non annulla quello che avete già letto ma lo riempie di significati diversi. Datemi retta e provate, sono certa di non essere smentita in tal senso!

Buone letture,
Simona Scaravglieri



1 

Ted McKay stava per spararsi un colpo alla tempia quando il campanello di casa prese a suonare con insistenza. 
Aspettò. Non poteva premere il grilletto, se c’era qualcuno fuori. 
Vattene, chiunque tu sia
Di nuovo il campanello, poi un uomo gridò: 
«Apra la porta, so che può sentirmi!» 
La voce raggiunse lo studio con sconvolgente chiarezza, al punto che per un brevissimo istante Ted dubitò che fosse reale. 
Si guardò intorno, come se cercasse nel vuoto che lo circondava una prova dell’autenticità di quel grido. Con lui c’erano solo i suoi libri di finanza, una riproduzione di Monet, la scrivania e la lettera in cui spiegava tutto a Holly. 
«Mi apra, per favore!» 
Ted teneva ancora la Browning a pochi centimetri dalla testa; cominciava a pesargli. Il suo piano non poteva funzionare, se quel tizio sentiva lo sparo e chiamava la polizia. Holly e le bambine erano a Disney World e lui non avrebbe permesso che ricevessero una simile notizia così lontano da casa. Era fuori discussione. 
Al campanello si unì una serie di colpi. 
«Forza! Non me ne andrò se prima non mi avrà aperto!» 
La pistola iniziò a tremare. Ted se l’appoggiò sulla coscia destra. Si passò le dita della mano sinistra tra i capelli e maledisse di nuovo lo sconosciuto. Era un venditore? In quel quartiere residenziale non erano ben visti, tanto più se si presentavano in modo così sfacciato. Per qualche secondo non ci furono più né grida né colpi, e Ted tornò a puntarsi l’arma alla tempia, con estrema lentezza. 
Cominciava a pensare che forse l’uomo si era stancato e se n’era andato, quando una raffica di colpi e di grida lo smentì. Ma lui non avrebbe aperto, per nessun motivo... Avrebbe aspettato. Quell’impertinente si sarebbe rassegnato, prima o poi, no? 
A un certo punto qualcosa attirò la sua attenzione: un foglio piegato a metà, identico a quello che aveva lasciato a Holly sul ripiano della scrivania, a parte il fatto che non c’era scritto il nome di sua moglie. Era stato così stupido da dimenticarsi di buttare una delle brutte copie? Dietro la porta le grida non erano cessate, ma lui si consolò pensando che, se non altro, quell’inaspettata interruzione avrebbe portato qualcosa di buono. Aprì il foglio e lesse l’appunto. 
Quello che vide lo lasciò impietrito. Era la sua calligrafia. Però non ricordava di aver scritto nessuna delle due frasi. 

APRI LA PORTA 
È LA TUA ULTIMA VIA D’USCITA 

Le aveva scritte in un frangente che adesso non ricordava? Un gioco con Cindy o Nadine, forse? Non riusciva a trovare una spiegazione a quel biglietto... non in quella situazione assurda, con uno squilibrato che stava per buttare giù la porta. Eppure doveva esserci, ovviamente. 
Illuditi quanto vuoi. 
La Browning gli pesava una tonnellata nella mano destra. 
«Ted! Apra una buona volta!» 
Trasalì, all’erta. L’aveva chiamato per nome? Ted non aveva grandi rapporti con i vicini, ma almeno credeva di riconoscerne le voci, nessuna delle quali somigliava a quella dell’uomo alla porta. Si alzò e posò la pistola sulla scrivania. Sapeva di non avere altra scelta che andare a vedere chi era. A pensarci bene, non era poi la fine del mondo. Chiunque fosse quello sfacciato, se ne sarebbe liberato in fretta per tornare nello studio a togliersi la vita, una volta per tutte; lo progettava da settimane e non si sarebbe tirato indietro all’ultimo per colpa di un maleducato. 
Sulla scrivania c’era un barattolo che conteneva penne, clip, gomme da cancellare mezze consumate e svariate cianfrusaglie. Ted lo rovesciò con un movimento rapido e vide la chiave che ci aveva infilato meno di due minuti prima. La prese e la osservò con l’incredulità di chi s’imbatte in qualcosa che pensava di non rivedere mai più in vita sua. In effetti in quel momento avrebbe dovuto trovarsi riverso sulla poltrona, con i resti di polvere da sparo sulla mano, a fluttuare verso la luce. 
Se hai deciso di toglierti la vita, anche se non hai più dubbi in merito, gli ultimi minuti mettono comunque alla prova la tua volontà. Ted aveva appena imparato la lezione e non sopportava l’idea di doverci passare di nuovo. Raggiunse la porta dello studio con fastidio, inserì la chiave e aprì. Scorgendo il biglietto attaccato dall’altra parte, un po’ più in alto della sua faccia, fu assalito da un altro moto di rabbia. Era un avviso per Holly. «Tesoro, ho lasciato una copia della chiave sul frigorifero. Non entrare con le bambine. Ti amo.» Suonava un po’ crudele, ma Ted aveva pensato a tutti i dettagli. Non voleva che fosse una delle sue figlie a trovarlo, riverso dietro la scrivania con un buco in testa. D’altronde, morire nel suo studio era la cosa più sensata. Aveva preso seriamente in considerazione la possibilità di gettarsi nel fiume chissà dove o sotto un treno, ma sapeva che l’incertezza sarebbe stata peggiore, per loro. In particolare per Holly. Lei aveva bisogno di vederlo con i propri occhi, di esserne sicura. Aveva bisogno... dell’impatto. Era giovane e bella, poteva rifarsi una vita. Ne sarebbe venuta fuori. 
Di nuovo una scarica di colpi. 
«Arrivo!» gridò Ted. 
I colpi cessarono. 
Apri la porta. È la tua ultima via d’uscita
Riusciva a scorgere la sagoma dell’intruso al di là della finestrella accanto alla porta. Attraversò il salotto a passi lenti, quasi con aria di sfida. Osservava ogni cosa come aveva fatto qualche minuto prima con la chiave dello studio. Vide l’enorme televisore, il tavolo per quindici commensali, i vasi di porcellana. A suo modo, aveva detto addio a ognuno di quegli oggetti. E invece, eccolo di nuovo lì, il vecchio e caro Teddy, che si aggirava in salotto come un fantasma. 
Si fermò. Forse quella era la sua luce
Per un attimo sentì l’assurdo bisogno di tornare nello studio e controllare se dietro la scrivania ci fosse il suo corpo esanime. Allungò il braccio e sfiorò con le dita lo schienale del divano. Percepì la fredda superficie di pelle, troppo reale per essere frutto dell’immaginazione. Ma come esserne sicuro? 
Aprì la porta e, vedendo il giovane sulla soglia, capì perché riuscisse a guadagnarsi da vivere come venditore nonostante i suoi modi. Aveva circa venticinque anni, indossava impeccabili pantaloni bianchi con una cintura in pelle di serpente e una polo a strisce orizzontali multicolori. Sembrava un giocatore di golf, più che un venditore, anche se nella mano destra impugnava una valigetta di cuoio piuttosto malridotta, che stonava con la sua tenuta. Aveva i capelli biondi che gli arrivavano fino alle spalle, occhi celesti e un sorriso lascivo che non aveva niente da invidiare a Joe Black. Ted immaginò Holly, o qualunque altra donna del vicinato, che comprava cianfrusaglie da quell’uomo. 
«Di qualunque cosa si tratti, non sono interessato», disse Ted. 
Il sorriso si allargò. «Oh, ma non sono venuto a venderle niente.» Lo disse come se fosse la cosa più ridicola del mondo. 
Ted lanciò un’occhiata oltre le spalle dello sconosciuto. Non c’era nessuna macchina parcheggiata lungo il marciapiede, né in Sullivan Boulevard. Il caldo non era eccessivo, quel pomeriggio, ma una camminata sotto il sole per un tragitto così lungo avrebbe dovuto lasciare qualche traccia su quel ragazzo dalla bellezza sfacciata. E poi, perché parcheggiare così distante? 
«Non si spaventi», proseguì l’altro, quasi gli avesse letto nel pensiero. «Il mio socio mi ha lasciato davanti alla porta, per non far insospettire insospettire i vicini.» 
Il riferimento a un complice lasciò Ted impassibile. Morire per una rapina sarebbe stato perfino più decoroso che spararsi un colpo in testa. «Ho da fare. La prego di andarsene.» 
Ted fece per chiudere la porta, ma l’uomo allungò un braccio e glielo impedì. Non fu un gesto necessariamente ostile; nei suoi occhi c’era un accenno di supplica. «Mi chiamo Justin Lynch, signor McKay. Se mi...» 
«Come fa a sapere il mio nome?» 
«Se mi permette di entrare e di parlarle per dieci minuti, glielo spiego.» 
Ci fu un attimo di esitazione. Ted non l’avrebbe fatto entrare, su questo non c’erano dubbi, ma doveva ammettere che la sua presenza gli suscitava una certa curiosità. Alla fine, la ragione prevalse. «Mi dispiace. Non è un buon momento.» 
«Si sbaglia, è...» Ted chiuse la porta. Le ultime parole di Lynch arrivarono attutite dal legno, benché chiarissime. «... il momento perfetto.» Ted era fermo, in ascolto, come se sapesse che ci sarebbe stato qualcos’altro. E così fu. Lynch alzò la voce per farsi sentire. «So che cosa sta per fare con la nove millimetri che ha lasciato nello studio. Le prometto che non cercherò di farle cambiare idea.» 
Ted riaprì la porta.

Questo pezzo è tratto da:

Un altro da uccidere
Federico Axat
Longanesi Editore, Ed 2016
Traduzione di Elena Rolla
Collana "La gaja scienza"
Prezzo 16,90€

venerdì 16 settembre 2016

"Un altro da uccidere", Federico Axat - "Il Thriller" e non uno qualunque...


Fonte: La legge per tutti


Immaginate quel momento in cui avete voglia di qualcosa di diverso e che in quello specifico momento compaia davanti ai vostri occhi quel qualcosa che ha tutte le caratteristiche del caso come il fatto di essere inconsueto, accattivante e anche decisamente invitante. Ecco, questo è quello che è successo a me proprio venerdì scorso, quando ho trovato l'estratto, sulla rivista del "Il libraio" di un libro appena uscito per Longanesi: "Un altro da uccidere". Libro che peraltro ha, a mio avviso, anche una copertina decisamente accattivante che ho scoperto scaricando l'ebook. La parte più complicata è dargli una categoria; se ad uno sguardo superficiale potrebbe sembrare, per costruzione, un thriller ha una componente, sicuramente non poco secondaria, noir che rende il tutto decisamente elegante e che sottolinea il nonsense che fa da attacco e sorregge tutta la storia.

Il protagonista è Ted, ma all'inizio di lui sapremo poche cose: lo troviamo chiuso in uno studio, circondato dai suoi libri e i suoi quadri. Dietro uno di questi si nasconde una cassaforte. La porta dello studio è chiusa, fuori la casa è silenziosa e sulla stessa porta, Ted si è premurato di lasciare un messaggio alla moglie in cui le chiede di non entrare nello studio con le figlie. Dopo aver ripassato mentalmente tutte le cose fatte con minuzia per giungere a quel momento Ted alza una mano che tiene saldamente una pistola e si prepara a suicidarsi. In quei pochi attimi che separano la vita presente dalla morte sicura, qualcuno comincia furiosamente a bussare alla porta; lo sconosciuto lo chiama per nome, gli urla di smettere di fare quello che sta per fare, perché lui lo sa che ha una rivoltella in mano. Ted spera che se ne vada, anche perché - come sottolinea anche Axat, l'autore del libro - gli ci è voluto così tanto coraggio per preparasi ad alzare quella mano che non sa quanto gli ci vorrà a ritrovarlo. Ted guarda in basso, sulla scrivania, sperando che lo sconosciuto, che non capisce come faccia a sapere il gesto che si sta preparando a compiere, e gli cade l'occhio su qualcosa che sembra fuori posto e che prima non aveva notato ovvero un post-it che riporta scritto "Apri la porta. Potrebbe essere la tua ultima via d'uscita."
Al di là della stranezza che le due frasi sembrano sottintendere, c'è qualcosa di ancora più misterioso: la calligrafia è la sua e lui non si ricorda di aver mai scritto quel biglietto. Intanto fuori, lo sconosciuto non demorde, continuando a bussare. Ted aprirà quella porta?
Questo lo dovete scoprire da soli! Ma sinceramente, non vi sale la curiosità?

La bellezza di questo libro è che la storia si regge tutto su questo inizio. Qui c'è tutto quello che dovete sapere. Tutto il resto è la conseguenza, ma anche la ragione, per cui tutta la trama prende strade del tutto inaspettate. L'anima del thriller quindi viene completamente rispettata: quattro parti suddivise in capitoli ricchi di colpi di scena e, ad un certo punto, anche voi vi troverete a ragionare come Ted per trovare una soluzione reale a quello che lo sembra e invece è una correlazione fra reale e fantasia. Questa storia mette sotto la lente d'ingrandimento il potere della suggestione indotta dalla nostra mente come meccanismo di autodifesa. Ted sta vivendo qualcosa che non sempre sembra avere una spiegazione logica, è reale e tangibile, ci sono degli omicidi, degli animali e molti personaggi sfuggenti. Il tutto c'è, è reale ma il problema è come si guarda ad ogni fatto che compone la storia; in quel momento, i ruoli delle persone cambiano e forse cambiano anche i fatti e i risultati ma le azioni rimangono molto spesso invariate. La parte geniale di questo lavoro è che, nonostante quello che vi sto spiegando sembra un gran caos, il libro è coerente e verosimile dalla prima pagina all'ultima.

In passato avevo detto di aver poche speranze di vedere qualcosa di nuovo, perché la maggioranza dei thriller si adagia sui canoni, giusti o sbagliati, che vendono. C'è quello che gira mezzo mondo a cercare la reliquia che scopre alla fin fine di averla lasciata a casa (come "Il profanatore di biblioteche proibite", o quelli che imbastiscono storie pazzesche, che ti fanno ben sperare, il cui finale però sembra una favoletta, come in "L'amore bugiardo" e c'è anche chi inizia un thriller e poi scrive altro come "La verità sul caso Harry Quebert" e poi ci sono scrittori come Federico Axat che invece riescono a creare un insieme che regge dalla prima pagina all'ultima. Il libro di oggi si inserisce sulla scia lasciata da "L'amore bugiardo" solo per costruzione e gioco fra realtà e irrealtà ma va anche oltre. L'autore non utilizza mezzucci per allungare il brodo, è focalizzato sulla storia e nessuno lo distrae da portare avanti gli eventi con perizia e minuzia tanto che non sembra ci siano sbavature. Non ci sono soluzioni che sono evidenti e che invece i protagonisti fanno di tutto per non vedere, come succedeva nel caso Quebert e, al contempo le descrizioni sono parte integrante della vicenda e dell'azione. Distendono il clima quando serve dare un ritmo diverso agli eventi e acuiscono il senso di oppressione negli eventi chiave. E Federico dimostra anche che non serve altro che la semplicità per ottenere un risultato apprezzabile e sopratutto credibile. Tutti i personaggi hanno il loro spazio sono caratterizzati e inseriti in situazioni che possano rendere visibili al meglio le loro caratteristiche principali. 

E' un libro scorrevole il cui successo sta proprio nei tempi e nella costruzione della trama sulle instabili vie che viaggiano sul confine fra reale e irreale. Di certo non vi annoierete a leggerlo e sicuramente non faticherete a trovarlo perché è appena uscito (8 settembre). Lavoro che ho comprato in ebook e che presto avrò anche in cartaceo perché, a differenza dei thriller citati poco più su, in questo caso la storia non è montata e svolta per un finale certo. Quindi come succede nei grandi classici, gialli o thriller che siano, si può tranquillamente rileggere per vedere se qualche indizio è sfuggito all'occhio del lettore! 
Io fossi in voi uno sguardo glielo darei e sono sicura che anche voi, come me, non lo metterete più giù fino alla parola "Fine".
Buone letture,
Simona Scravaglieri



Un altro da uccidere
Federico Axat
Longanesi Editore, Ed 2016
Traduzione di Elena Rolla
Collana "La gaja scienza"
Prezzo 16,90€




Fonte: Longanesi Editore

mercoledì 14 settembre 2016

[Dal libro che sto leggendo] Wuh!



Fonte: LettureScoclusionate

Oh! Il libro di oggi è un po' un mito perchè dovrebbe essere fra i primi pubblicati da Gorilla Sapiens e in più a me, come avevo detto nel Diario di Luglio, era capitato di incontrare Andrea ad una giornata di #nonsonosòle fatta in libreria a Ponte Milvio. Ecco, il libro di oggi richiede un lettore attento che non si fermi alla sola storia. E' una raccolta di racconti, alcuni estremi - ma non eccessivi visto che l'ho letto tranquillamente anche io! -, che disegnano in maniera realistica il mondo oscuro e illegale della droga. Ci sono i rave, i drogati in cerca di droga e anche coloro che vendono. C'è anche la frenesia della ricerca, l'ansia di non essere beccati, i colori e l'abbandono dell'assunzione e via dicendo.

Ma c'è anche molto altro che viene fuori a latere della lettura. In primis è quello che dice la casa editrice in quarta di copertina "questo è un libro triste". Sì, un po' si. Per me che manco so come è fatto uno spinello, leggere di queste vite che camminano sul filo del rasoio, tra "l'aldiquà e l'aldilà", è stato un po' come non poter salvare qualcuno che non conosco. E in secondo luogo, tornando all'argomento principale, c'è una magnifica prova di scrittura che, al di là della descrizione fatta a parole, rende con un ritmo ora incalzante e ora rilassato le emozioni derivanti dal susseguirsi delle situazioni.

Già nel pezzo che vi posto oggi questo si vede nella sequenza anche della conversazione. Il libro è molto bello e secondo me da conoscere. Scritto bene, scorre anche meglio di quello che uno si possa aspettare visto l'argomento. Ne riparleremo comunque nella recensione!
Buone letture,
Simona Scravaglieri

Il Ciriola 

- Ci hanno fregato, va bene?
- E chi?
- Mimmo, te l'ho già detto, il Ciriola ci ha venduto dieci aspirine!
- E adesso?
- Come e adesso? Non ci arrivi? Stiamo senza pasticche. Zero. Niente.
- Luca, datti una cazzo di calmata! Dobbiamo trovare una soluzione, non farci rodere il culo a gratis.
- Oh scusa Mimmo, scusami se stasera c'è il tecnival di musica elettronica, in un centro sociale a trecento metri da qui e noi, alle sei del pomeriggio, stiamo ancora a secco e rischiamo di finire in pasto agli avvoltoi.
- Sei un coglione.
- E tu vai a fare in culo.
- Ok fly down, una mezza dritta ce l'ho io.
- Spara 'sta mezza dritta.
- Vai a stazione Termini, davanti al McDonald ci bazzica un polacco che vende le pasticche. Lo chiamano sos perché è l'ultima spiaggia per l'acquisto.
Attacco il telefono senza neanche un ciao, ho il cellulare rotto, chiamavo da una cabina ed è caduta la linea. La mia scheda telefonica aveva solo venti centesimi, giusto uno scatto. Butto via con rabbia la scheda perché non serve più a nulla, neanche per acchittare una riga. Troppo fina. Cazzo, vivo a San Lorenzo da diciotto anni, mi sballo da tre e che devo fare? Andare alla stazione per comperare droga. Il posto più bevuto di Roma! Ma siamo pazzi? Ciriola ringrazia che ho solo un'ora per risolvere il problema altrimenti rubavo una pistola e ti facevo uori come un vitello al macello. Senza sapere né legge e e né scrivere. un buco in mezzo alla fronte.
BUM!
CIRIOLA, NON MERITI IL QUARTIERE SAN LORENZO!
Mimmo però una cosa giusta l'ha detta, è inutile farmi rodere il culo adesso, ci penserò domani. E... Ciriola!, saranno proprio cazzi tuoi. Dopo più di due anni di affezionata clientela... non te la passo neanche se imbastisci che proprio oggi la tua dipendenza ti ha dato la crisi.
Vado a piedi perché la stazione è un postaccio e allora è meglio evitare che qualche guardia mi fermi con una scusa del cazzo. E poi sono proprio due passi. Cammino svelto. poi corro perché penso ancora a quella merda di Ciriola. E siccome devo star calmo, mi sfogo con la corsa.
Via dei Volsci. Porta San Lorenzo. E poi la stazione. l'insegna giallorossa del McDonald splende nella luce del tramonto mischiata alle altre insegne appena accese. Inquadro un polacco quando sono sulla porta del fast-food.
- Conosci sos? -, gli faccio.
- Sono qui per aiutarti -, mi fa lui. Allora gli passo la richiesta. Lui fa che non c'è problema e mi spara un prezzo abbastanza onesto. Accetto. mi fa di seguirlo. Accetto ancora. Camminiamo loschi per le via intorno alla stazione e non so perché ma mi viene in mente che, pur abitando vicino da sempre, saranno dieci anni che qua non ci metto piede. Roma è enorme e a volte posti belli e vicini li butti nel dimenticatoio perché non fanno parte delle tue abitudini. Intanto il polacco si è fermato in una delle viuzze che portano a piazza Vittorio, qui c'è un compare che lo aspettava, mi passa le paste, acchiappa i soldi e scappa via su un motorino guidato dal compare.
MERDA! SOS MI HA VENDUTO DEL BIMIXIM! UN MEDICINALE PER LA DIARREA! UN'ALTRA FREGATURA! LA CANDID CAMERA GLI FA UN BAFFO A QUAN SONO COGLIONE!

Questo pezzo è preso da:

WUH!
Andrea Paolucci
Gorilla Sapiens Edizioni, Ed. 2012
Collana "Caramella Acida"
Prezzo 13,80€


martedì 13 settembre 2016

Giochiamo Edizione 2016! Settembre...


Fonte: LettureSconclusionate
DA LEGGERE: Il cruciverba creato è elaborato da me e per il mio blog e non è copiato da nessun sito o giornale di enigmistica. Pertanto qualsiasi utilizzo venga fatto su siti di terzi che non riportino l'indirizzo del sito di provenienza, ovvero questo, saranno considerati come utilizzi impropri e segnalati alle piattaforme di pertinenza.

Eccoci qua al cruciverba del mese! Per chi non lo sapesse post dei festeggiamenti di questo blog avevo detto che, avevo intenzione di riesumare "Giochiamo!" che erano una serie di cruciverba che furono il gioco dell'estate del primo anno di vita di questo spazio. Andranno in onda il giorno successivo - se la fantasia mi assiste - del Diario di un mese di libri.

Le regole:
- Come in passato è possibile ingrandire la foto, tasto destro, selezionare salva immagine con nome e l'avrete sul vostro pc. Rispondete alle varie indicazioni sotto, risolvete tutto il cruciverba;
- i gruppi di quadratini restituiranno il nome del protagonista di di un famoso libro scritto mooooooolto tempo fa.

COSA FARE PER VINCERE: mettere sotto, nei commenti del post, il il titolo del libro individuato nel cruciverba,  e mandare la foto del cruciverba risolto a dietroilportone @ gmail.com (tutto attaccato chiaramente, io lo inserisco così per evitare lo spam) subito dopo, mettendo nel corpo della mail il nick con il quale avete inserito il vostro commento qui sul blog.
Se non siete registrati su Blogspot e vi da un account anonimo nel commento basta che scriviate il vostro nome e il vostro alias perché io possa individuare l'aderenza con l'immagine che mi è arrivata.
Il primo che fa tutto, vince!

Qualora il premio non venga vinto, lo ricicleremo per un altro contest. I libri in palio sono nuovi e verranno spediti a mie spese, tramite Amazon direttamente a casa del vincitore.
La soluzione del cruciverba di oggi comparirà nel mensile di Giugno.

E ora... Giochiamo!
Buona fortuna,
Simona Scravaglieri



ORIZZONTALI
1. L'Anna di "C'era una volta la DDR" - 4. L'autore de "Il condominio" - 10. Fiume della Siberia orientale (Jacuzia-Sacha), affluente di sinistra della Lena - 11. Alcolisti Anonimi - 13. Quando non puoi dare del tu al tuo interlocurore lo devi adottare - 14. Medici in prima linea, fortunata serie tv di fine millennio. - 15. Per non dire saltuariamente... - 19. Colui che ha scritto "Sezione suicidi" (Cognome/Nome, iniziali) bellissimo noir! - 20. Lo zoo se perde una "o" - 21. Ciascuno, tutti i singoli. - 22. Ha scritto "Vita e opinioni di Tristrm Shandy, gentiluomo" - 23. Food and Agriculture Organization of the United Nations (sigla) - 24.  Radiotelevisione Italiana S.p.A. - 25. Laarson de "Gli uomini che odiano le donne" - 26. se non è no... - 27. Ecole Nationale d'Administration - 28.  sono la catena montuosa più importante d'Europa, situate nell'Europa centrale a cavallo dei confini di Italia, Francia, Svizzera, Liechtenstein, Germania, Austria, Slovenia e Ungheria - 29. Nella storia è da sempre associato a Cleopatra... - 33. to be for "He,She,It"... - 36. Se non si agita allora il suo carattere viene così definito - 37. Ente Nazionale - 38. Davanti ha "stabat" nel titolo di un conosciuto libro di Tiziano Scarpa - 40. User Interface - 41. La moda se scorda una "M" a casa... (ma come sono spiritosa...) - 43. Dove Rossella disse "Dopotutto, domani, è un altro giorno!" - 44. Millennium Edition - 45. Sharif, che lavorò nella miniserie tv del 1984 "Padiglioni Lontani" - 48. se non scrivi in prosa... - 49. Esercito Italiano - 50. Conosciuta anche come Elena di Sparta è una figura della mitologia greca assunta, nell'immaginario europeo, a icona dell'eterno femminino. - 51. Napoli (sigla) - 53. Il famoso Morricone compositore, musicista e direttore d'orchestra italiano - 54. Pubblica Amministrazione - 56. abbreviativo di pezzi - 57. International Road Transport Union - 59. si ripete due volte quando si fa riferimento alla diffusione della notizia di bocca in bocca... - 60. L'applicazione di una energia (umana, animale o meccanica) al conseguimento di un fine determinato: il l. dell'uomo; il l. di una macchina; un l. di pazienza, di concetto - 63.  è uno strumento musicale a fiato che fa parte degli aerofoni e della sottofamiglia degli ottoni con canneggio conico - 65. lo guarda in continuazione il bianconiglio - 67. quando l'amore di perde "la fine" - 68.  Associazione liberi architetti - 69. quello di Berlino è stato buttato giù nel 1989.

VERTICALI

1. Un classico di John Steinbeck - 2. Era "rosso" quello di Tom Clancy - 3. Le famose "Cronache", un fantasy che ha fatto sognare tutti... - 5. Avellino (Siglia) - 6. Amore ma per l'inglese - 7. La Celi di "Mai stati meglio: Guarire da ogni malanno con la Storia" scritto a quattro mani con Andrea Santangelo - 8. La Yasmina de "Il Dio del massacro" - 9. Scritto da Dan Simmons che prende idea da un lavoro incompiuto di Dickens - 11. Prima del Nuovo Testamento - 12. Loro non credono nelle religioni (femminile) - 16. Ad Interim - 17. Dove sorge il sole in autunno - 18. Anche detta "ergon" è l'unità di misura dell'energia e del lavoro utilizzata nel sistema di misura CGS - 23. Il libro di Hemingway che parla del suo viaggio in Europa con la prima moglie quando entrarono a contatto con la cultura spagnola e quella parigina. - 25. Con la "ragione" compone un titolo di un famoso libro di Jane Austen - 26. seguita, controllata - 28. Ha scritto "Contro il fanatismo" (iniziali) - 29. sono fiorite e arredano i giardini... - 30. Si beve alle 17:00 in Inghilterra - 31. le "edizioni" con cui pubblica Paolo Zardi - 32. L'indimenticato Montanelli - 34. azione prima di "seminai", altrimenti non viene bene il raccolto... - 35. il nome dell'inserto culturale de Il sole 24 ore del fine settimana. - 39. sono quelle geologiche - 42. Amnesty International - 46. La compianta Marchesini che ci ha lasciato quest'estate - 47. Christian l'autore de "Le persone, soltano le persone" raccolta di racconti pubblicata da MinimumFax - 52. Mora al contrario... - 54. si usa per spalare - 55. L'antenato... - 56. In inglese significa "povero" - 58.  anche detto "Bos taurus primigenius" è un grande bovino estinto, diffuso originariamente in Europa, e in alcune zone dell'Asia... - 60. Laughing out loud - 61.  organismo geneticamente modificato - 62.  Reti Interne d'Utenza - 64. abbreviazione di numero - 66.  dio sole di Eliopoli nell'antico Egitto.

lunedì 12 settembre 2016

Diario di un mese di libri... Agosto 2016



Fonte (immagine): H24 Notizie


Libri comprati:

"The storm of war", Kate Williams - Orion Publishing Co

"My history", Antonia Fraser- Weidenfeld & Nicolson 
"The Sixth family", Adrian Humphreys e Lee Lamothe - Arnaldo Curcio Editore (usato)


Libri regalati

"Il giorno senza fine", James G. Ballard - Longanesi Editore

"Gli scultori di nuvole", James G. Ballard - Mondadori Editore
"Essi ci guardano dalle torri", James G. Ballard - Mondadori Editore
"Il vento dal nulla", James G. Ballard - Mondadori Editore
"Terra bruciata", James G. Ballard - Mondadori Editore
"Il gigante annegato", James G. Ballard - Mondadori Editore
"Ultime notizie dall'America - Ora zero", James G. Ballard - Mondadori Editore
"Passaporto per l'eternità", James G. Ballard - Mondadori Editore
"Deserto d'acqua", James G. Ballard - Mondadori Editore
"La civiltà del vento", James G. Ballard - Mondadori Editore
"Mitologie del futuro prossimo", James G. Ballard - Mondadori Editore
"Il magico potere del riordino", Marie Kondo- Vallardi Editore




Libri letti

"C'era una volta la DDR", Anna Funder - Feltrinelli Editore


Libri in lettura

"Girl with green eyes", Edna O'Brien -  Penguin UK
"Gli ultimi eretici", Vasile Ernu- Hacca Edizioni (in lettura)
"Città in fiamme", Garth Risk Hallbergh - Mondadori Editore (in lettura)
"Alla ricerca del tempo perduto Vol.1: Dalla Parte di Swann", Marcel Proust - Mondadori Editore (in lettura)
"Un altro da uccidere", Federico Axat -  Longanesi (In lettura)
"America", Charles Dickens -  Feltrinelli Editore (In lettura)



Eggià, è vero, sono stata attaccata dal morbo del "blocco del lettore", ho leggiucchiato qui e lì e ho concluso praticamente nulla! Che sia stato per il caldo o per un calo d'interesse non saprei ma è durato fino a qualche giorno fa ( settembre). E, infatti, anche il blog ha risentito di questo mio "momento no" che, per fortuna, pare essere parzialmente svanito grazie agli ultimi due libri in lista tra quelli in lettura: "America" (Feltrinelli) e "Un altro da uccidere" (Longanesi) di cui vi parlerò presto perché sono entrambi a buon punto. Il primo è un racconto del viaggio fatto in America del 1841 e il secondo invece, credo - sono al 70% e non ho ancora capito come andrà a finire!-, che sia un thriller psicologico (è bellissimo!). Sono andata un po' avanti con la O'Brien e praticamente nulla con gli altri ma ci rifaremo, mi auguro perché se non leggo mi annoio, il mese prossimo. Chiaramente quando attraverso questi momenti non ho nemmeno voglia di comprare il libri, almeno c'è una compensazione in tutto ciò, e quindi l'acquisto di tre libri per me è una gran vittoria.

I due in inglese erano in una delle mie mille wishlist, li avevo "messi da parte" dopo aver letto e ascoltato qualche recensione entusiastica. Che poi, in particolare per "My history", ero proprio incuriosita visto che ancora ricordo la video recensione di una tipa inglese che adoro ma che mi fa dannare per capirla tanto che, ogni recensione o resoconto lo devo ascoltare 15 volte per capirlo tutto! Ora, sono certa che aprire una divagazione in tal senso non sia simpaticissimo, ma se vi state chiedendo perché mi ostino a sentire e leggere recensioni in lingua la risposta più ovvia non è: per imparare l'inglese. Il problema è che è difficilissimo trovare vlogger che recensiscano saggi o libri fuori dei canali de "Appena uscito!" o "Lo hanno letto tutti" che determinati argomenti passano un po' in secondo piano. Per i blog è un po' più semplice, ma rimangono sempre spazi di nicchia cui arrivi cercando titoli ben specifici.

Tornando invece a "My history", se ne parlava parecchio lo scorso anno (quando è uscito) e in particolare in Inghilterra, che è la nazione di appartenenza dell'autrice, Antonia Fraser che sicuramente a pochi dirà qualcosa. Se andate a cercare scoprirete che la Fraser ha pubblicato una serie di libri storici, che in Italia sono pubblicati da Mondadori, e io credo di aver letto, parecchio tempo fa, "Le sei mogli di Enrico". Ora Antonia è nata nel 1932, figlia di aristocratici inglesi e la sua vita cambiò quando aveva sette anni a causa della guerra. My History parte dalla sua infanzia felice attraversando tutto un periodo storico che va dalla seconda guerra mondiale fino, credo gli ultimi anni, in cui Antonia spiega come è nato il suo amore per la storia che l'ha indotta a scriverne, anche con un discreto successo. Nella sinossi si trova un suo pensiero:
La mia storia è un libro di memorie di cuore che è anche una lettera d'amore per un modo di vita britannico, che è del tutto scomparso. Anglofili, amanti della storia, e gli appassionati di Downton Abbey ne rimarranno sicuramente affascinati.
Ecco, a me Downton Abbey fa fare sonni saporiti, come credo di avere già detto in occasione della lettura de "La melodia di Vienna" ma, visto che la Melodia - nonostante il riferimento alla soporifera serie - mi era tutto sommato piaciuto e viste le recensioni, avevo archiviato questo libro fra i papabili da prendere e quest'estate con pochi euro, non più di 5, me lo sono portato a casa. Il libro, in copertina morbida, riporta anche una serie di foto dell'autrice fatte su carta lucida e nitide e anche molto belle a dir la verità - mica come le edizioni italiane in cui, con una fotografia sgranata, devi intuire che hanno fotografato -, e il suo prezzo originale era 9.99£ (ovvero 11,70€ tanto per fare un paragone!).

Per "The storm of war" discorso diverso, anche qui ho guardato qualche recensione, ma era nella stessa promozione di quello della Fraser e, al contempo, sembrava dalla descrizione essere una storia del genere "La melodia di Vienna", ambientata in Inghilterra,  poco prima della seconda guerra mondiale. Una saga familiare alla Cazalet, tant'è che molto rivenditori internazionali la affiancano alla Howards, che vede una famiglia aristocratica decisamente importante prepararsi per il matrimonio della propria figlia maggiore e poi, allo scoppio della guerra, cadere in rovina e segue le vicende della figlia minore che, un tempo ribelle (ma qui metteteci un bel punto di domanda perché i resoconti sono contrastanti), cerca di rifarsi una vita e di vivere il suo amore. Ero tutta entusiasta per questo acquisto, a parte il libro con una copertina che è bella e anche piacevole da toccare, ha avuto parecchi giudizi positivi, e qualcuno un po' meno, ha dalla sua una scrittura che sembra abbastanza scorrevole e alla mia portata. L'entusiasmo s'è un po' spento - diciamo anche che mi si è gelato il sangue che rende meglio l'idea! - quando, leggendo la quarta di copertina, mi è caduto l'occhio su un complimento entusiastico di Liza Hilton, che lo dichiarava un capolavoro. Ricordate la Hilton? No? L'autrice di quella gran fregatura di "Maestra" che, tra parentesi, ho prestato ad Angela Cannucciari che sicuramente ci farà una bella recensione che mi ascolterò 200 volte per poter ridere ogni volta! Veramente avevo provato a rifilarlo anche a Librangolo Acuto pregustandomi una bella puntata di "Francamente me ne infischio" ma ha gentilmente declinato l'invito :D
Quindi sperando che il libro della Williams non sia come quello della Hilton lo leggerò e vi farò sapere!

"The Sixth family" é invece un libro inchiesta, di un certo peso perché sono quasi 700 pagine - quelle di una volta -, e pesa un chilo, non scherzo. Sono quei libri inchiesta che risvegliano il mio animo da lettrice di libri sulle mafie e, in questo caso, quelle di New York. Lo stile è quello americano quindi una scrittura che punta comunque al colpo di scena, vi avevo detto che avevo leggiucchiato qui e lì e di questo ne ho letti tre capitoli, in cui si racconta delle famiglie conosciute e di quella che invece rimane nascosta almeno al grande pubblico e alla giustizia. Analizza le attività di questa "famiglia", i Rizzuto, dagli anni '50 del 1900 fino al 2008. Sembra un reportage abbastanza curato ed è l'unico libro che ho trovato al mercatino dell'usato di Ciampino che valesse la spesa.

Ora, io lo so che il vostro sguardo si è piantato su "Il magico potere del riordino" della Kondo ma  è un regalo di Massimo di Milano che me lo ha donato, secondo me perché non lo vuole a casa manco lui. Mi ha detto leggilo (vuole di certo che dica la mia in merito) poi se non lo vuoi (fa parecchio lo spiritoso) lo rifili a qualcun altro. In sostanza la storia di questo libro è che lo ha regalato ad una sua amica, la quale lo ha letto e gli ha detto non lo voglio; credo che poi lo abbia letto anche lui e abbia deciso che anche io, che ho detto che si prospettava come - detta alla Cannucciari - un ottimo libro da leggere sotto la doccia. Per chi non lo sapesse, la Kondo, maniaca del minimalismo, viene pagata da gente fuori di testa - a mio avviso -, per fare quello che, gratis, farebbe vostra e mia madre ovvero buttare roba. L'unica differenza è che la citata tipa sostituisce le urla di vostra madre per il gran casino o le prediche su come sia disordinata, impolverata e piena di roba la vostra casa/stanza e le frasi come "io te le brucio ste' cose!" con una sessione di autocoscienza. Ora, detta così, sarebbe l'ennesimo libro di auto-aiuto ma, e c'è un MA, pare che ci sia un capitolo in cui la tipa in questione suggerisce di buttare i libri! No, dico, i libri?! Premettendo che, a me, il minimalismo sa di esposizione del mobilificio e che "toccami-tutto-ma-non-i-miei-libri", è già tanto che io scambi quelli che non rileggerei mai, perché sono delle vere sòle, ma, mai e poi mai, butterei anche quelli! Credo che comunque lo leggerò prima di rifilare la sòla a qualcun altro, per ora, in segno di massimo spregio, sora Kondo è sotto una pila di libri, circondata da altre pile, così impara!

Mentre per i libri di Ballard, il colpevole è sempre Massimo, che sapendo la mia passione per questo autore - che mi ha fatto conoscere lui peraltro, e per i libri d'epoca-, mi ha regalato tutta la sua raccolta di storie pubblicate per la maggior parte nella collana Urania di Mondadori. Racconti che io dovrei già avere in una triade - mi sembra - di libri che le raccolgono tutte e di cui, sfiga vuole che per la questione del "blogger etico" non vi parlerò finché l'editore non si comporterà correttamente con le maestranze con cui collabora. Ballard ha una visione del mondo estremamente distopica e che ci ricorda che la distopia non è un possibile futuro ma è già qui e si annida nelle maglie della costruzione della nostra società. Convenzioni sociali, regole, leggi, innovazione tecnologica fanno tutte parte di una complessa ramificazione di impostazioni di rapporti sociali che costituiscono già quello che il genere distopico, quello serio, racconta da decenni.

Tra i libri letti figura solo la Funder con "C'era una volta la DDR" che avevo in casa da qualche tempo e che dallo stesso periodo di tempo avevo voglia di leggere perché non è stato un acquisto fatto a caso. Lettura estremamente interessante che mi ha ricordato altri libri che avevo letto non tanto in merito alle questioni della Germania dell'est quanto a quelle di regimi paritetici nel mondo autoritari oppure fintamente democratici. Viviamo nel mondo del potere dell'informazione e se Mussolini, come dice Bonsaver ne "Mussolini censore" (Laterza) è stato il primo dittatore ad aver capito l'importanza della gestione dei media, ai russi va il merito del riconoscimento, oggi molto usato in politica, del potere dell'informazione sulla vita del singolo. Ecco magari i russi utilizzavano la tecnica "raccogli tutto non si sa mai", quindi nei files potevi trovarci anche se il "soggetto" era stitico o quante volte si lavava i denti, ma sicuramente sono stati gli antesignani di scandali come quelli di pochi anni fa in cui venne fuori l'immensa banca dati delle istituzioni di sicurezza americana che è stata denunciata al mondo da un ex impiegato che, ci ha reso noto, che chiunque, nel mondo, è controllato telematicamente e qualsiasi cosa facciamo viene registrata e archiviata nell'enorme DB americano in barba ad accordi internazionali o no, in deroga alla privacy e per scopi sicuramente non di sicurezza ma solo di concorrenza economica. Se vi interessa quest'ultimo argomento c'è un libro uscito un paio di anni fa con Rizzoli che si chiama "Sotto controllo" di Glenn Greenwald che racconta minuto per minuto le fasi dello scandalo. L'autore è stato premio Pulitzer 2014 e io l'ho anche letto, ma non l'ho ancora recensito. Quando sarà farò riferimento anche a questo diario, tanto link più link meno! :D

E siamo arrivati alla fine! Contenti? Ecco questo mese possiamo dire che vi è andata di lusso no? Ci aggiorniamo a domani che, se mi riesce di finirlo, ospita il Cruciverba del mese.
Buone letture,
Simona Scravaglieri


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...